lunedì 14 novembre 2011

O con noi o contro di noi!

Leghisti!
L'ora del riscatto è scoccata!
Il momento drammatico ci chiama all'estremo sacrificio!
Eleviamo Il nostro grido di guerra contro i confinanti Italici: "Paiolo e polenta padania redenta!"
Basta con gli scherzi, lazi e sollazzi, da oggi si fa la padania o si muore!
Mentre i pavidi partiti della confinante terra Italica si sono piegati alle consultazioni con il premier incaricato dal comunista Napolitano, Mario Monti; La lega, nella persona del nostro duce Umberto Bossi ha umiliato l'italico esponente, comunicando solo via telefono l'irrevocabile diniego a contribuire alla formazione del nuovo governo, mostrando, con impavido e sprezzante spirito guerriero il dito medio che il vile presidente incaricato ha finto di non vedere, nonostante non fosse caduta la linea.
Dunque fratelli e camerati si torna all'opposizione dura e pura!
Oggi, 14 Nobpvembre 2011, il nostro leader Bossi per bocca del traduttore simultaneo in lingua italiana, ha immediatamente convocato il glorioso e agguerrito parlamento dell'indomita padania. Prontamente e con spirito di abnegazione hanno risposto all'appello: Mary poppins, Biancaneve, ben 5 dei sette nani e Cenerentola.
Oltre a loro non mancheranno le gloriose camicie verdi che in questi anni hanno instancabilmente pattugliato le strade padane garantendo a noi tutti la sicurezza a difesa dei ripetuti agguati degli infami extracomunitari ormai fortunatamente completamente scacciati dal sacro suolo.
Oltre ai personaggi già nominati e tanti altri, Al convegno del padanico parlamento saranno presenti lo sterminatore di mafiosi Maroni (ne ha catturati ben 28 su 30...quasi tutti!) insieme all'indefesso Ingegner Castelli il quale abbandonando la sua professione, si è speso in una vita di stenti a svolgere innumerevoli incarichi politici nell'odiata terra ladrona.
Grazie camerata Castelli per il tuo alto sacrificio romano.
Grazie a tutti i nostri leader che dopo essere stati divelti con violenza dalle poltrone romane sulle quali avevano fuso l'augusto deretano, hanno deciso spontaneamente e senza indugio di abbandonarle.
Grazie ai valorosi guerrieri druidi padani che si apprestano ancora una volta a difendere il sacro pratone di pontida preservando lo spazio vitale all'esercizio delle gloriose e intramontabili sagre.
Maschia gioventù Padana! Alle armi! Indossate i sacri elmi cornuti e impugnando i potenti paioli difendete il Bossi che per la vostra libertà si è immolato per oltre un decennio prigioniero in terra romana!
Ma Paiolo e polenta padania redenta!
Se-ce-ssio-ne!! Se-ce-ssio-ne!! Se-ce-ssio-ne!!
Sembra assurdo ma questo partito millanta l'opposizione ignorando di essere stato cacciato persino da Milano.....e ci sono due milioni di persone disposte ancora a credere e votare le incredibili baggianate di questi fagiani.

domenica 13 novembre 2011

Monti

É bastata la presenza di una persona seria a spazzare via il pattume rappresentato da una classe politica composta da incapaci, corrotti, puttanieri, mafiosi e razzisti che da oltre un decennio hanno occupato e sfruttato le poltrone romane.

martedì 8 novembre 2011

ILDA! ARRIVA IL MOMENTO DI ARRESTARLO, STAGLI ADDOSSO!

Rimasto solo con i suoi ultimi fedelissimi che poi tanto fedeli non sono ma semplicemente ricattabili, il nano pluri inquisito sente odore di galera e comincia a inveire contro gli “ingrati”, già perché per il nostro pezzente del consiglio la politica era ed è uno scambio di favori mafioso non di idee e programmi per la gente.
Chi non la pensa come lui è quindi un traditore.
Gli unici cani accucciati restano, oltre ai servi sotto ricatto, i Leghisti che non hanno nessuna voglia di tornare nei fitti boschi della bergamasca ad arrostire salamelle.
Il capo bicchiere, l’avvinazzato Umberto, al solito rumoreggia con l’ano cose inutili come la sua esistenza ma teme soprattutto per il figlio pesce che non perda il posto da 150mila euro all’anno. Anche la Minetti ed altre Ministre cominciano a temere il ritorno alle loro “antiche occupazioni” abbarbicate ai pali della lap dance.
Una classe digerente di corrotti e incapaci si sta rapidamente sfaldando e dissolvendo. Non tarderanno, come in uso ai traditori (concordo con il nano) a tradirsi, sfancularsi e denunciarsi vicendevolmente cercando di arraffare dalla “casa delle libertà” (che minchiata) tutta l’argenteria possibile.
Occhio al pattume che scappa dal nano alla ricerca di nuovi contenitori di munnezza che possano ospitarli, vedi UDC per esempio che per intercettare questo popò di cervelli in fuga dal nano, ha assoldato il fior fiore della gioventù politica come Cirino Pomicino già condannato in via definitiva ad un anno e otto mesi di galera mai scontati.
Al nano ci penserà Ilda.


lunedì 7 novembre 2011

Deflusso delle acque nere.

Nonostante l'informazione sia concentrata sulla tenuta del governo, la mia assoluta attenzione è dedicata ai leccapiedi che alla chetichella stanno abbandonando la formazione calcarea del governo per approdare a cloache a cielo aperto che per definizione accettano qualunque cosa cada dal cielo o venga spurgato, espulso dalla decomposizione di altre formazioni.
Il ricettacolo in questione è il noto UDC di Casini, (entrato nelle grazie del clero) il percolato che lo ha raggiunto è la deputata Carlucci, la sorella però.
Le elezioni anticipate sono vicine e grazie alle scelte che faranno i transfughi berlusconiani: Carlucci, Capezzone, Gasparri, La Rissa, Formigoni, Zanicchi...ed almeno altri 300 Cetti Laqualunque che hanno arretrato la nostra Nazione, saprò perfettamente quali saranno i partiti che non voterò.
E Berlusconi?
Se non fuggirà in tempo probabilmente finirà in galera.