mercoledì 23 febbraio 2011

Quadripost

LA PESCA DEL TROTA
L’interpretazione della democrazia da parte di Umberto Bossi è davvero singolare. Il suo governo tramite la ministra della pubblica distruzione varando il riformatorio della scuola ha inteso (a detta della ministrona) premiare il merito.
Ebbene Bossi alla faccia dell’avvinazzata base leghista che tutto tracanna, come nel più classico stile monarca (termine dall’evocativo prefisso Toscano caro al nano) ha eletto il figlio “trota” (sta per idiota) a responsabile della comunicazione Leghista, dopo avergli già assicurato un posto di assessore a spese della collettività naturalmente. Insomma il pluri bocciato trota si ritrova con diverse decine di migliaia di euro al mese di stipendio, al netto della sua (a detta di papà) idiozia.
Un buon esempio per la sua base sarebbe stato quello mandare il figlio a chiedere lavoro (invano) presso le agenzie interinali come fanno la maggior parte dei giovani (anche padani) in questo paese.
Ma Bossi non è certo un “trota”. Bossi fa il pruppo ma con l’altrui sedere.

LA CARICA DEL NANO
Come previsto , qualche imbecille ignorando  gli accadimenti della tragedia Libica  causati dal maniaco drogato Gheddafi è comparso oggi in televisione a incendiare e corrompere le menti più idiote del nostro paese con la minaccia: “attenti al fondamentalista o integralista Islamico”.
Il cretino di turno, anzi più di uno, hanno cominciato a seminare panico.
Quindi dopo “attenti ai comunisti” che non si capisce cosa possano mai farci ne dove siano,  ”attenti ai magistrati” (dovrebbe essere utile solo a chi delinque) continuano, in assenza di argomenti e della più elementare analisi o morale politica, a cavalcare l’onda del terrore con la new entry: “attenti ai fondamentalisti Islamici del dopo Gheddafi”.
Un tormentone che non ci darà pace.
Non credo a queste scempiaggini perché gli autori sono gli stessi della “nipote di Mubarak”.  Oppure del : “andiamo a combattere in Iraq per la pace” o della “padania libera” (si spera lo sia presto l’Italia dalla Lega)
Per quanto mi riguarda diffido di queste menzogne perchè non esistono i fondamentalisti Islamici nella stessa misura per cui non esistono quelli Cattolici.
Quindi spingendomi oltre prevedo e temo che proprio gli autori “dell’attenti all’integralista” per accreditare il proprio allarme, saranno i pagatori di disperati extracomunitari prezzolati che, pur di garantire un vtalizio alle proprie famiglie, si faranno saltare in aria nelle piazze Europee al grido di Allah è grande.
(non vedremo mai un fondamentalista cattolico farsi saltare in aria invocando il proprio Dio ma solo a causa di una situazione reddituale più alta dei cattolici rispetto agli Islamici).
L’alibi per una nuova crociata contro poveri diavoli dunque è già pronto.

OCCHIO AL NANO E AI SERVITORI
Proprio nei periodi di massima distrazione dei soliti idioti, il nano approfitta per scampare ai processi inventandosi le leggi porcata più eclatanti.
Quindi un occhio alla Libia e due orecchie alle notizie sulle “riforme” che il governo del nano tenterà di far passare alla chetichella: Processo breve (ma non troppo). Leggi contro le intercettazioni . Leggi contro i Giudici: separazione delle carriere e quant’altro.
Il nano ci prova di sicuro. Della tragedia Libica non gliene frega nulla, delle famiglie Italiane ancora meno.

IL CORAGGIO DELL’INCOSCIENZA
Una grande occasione di riscatto civile si prospetta per la gente sudista che presto si troverà ad ospitare civilmente (spero) qualche milione di extra comunitari di passaggio.
Dopo cent’anni  gli Italiani di quelle regioni vedranno per la prima volta uomini che non si piegano alla mafia  perché nonostante le pezze al culo hanno la schiena dritta e nessuna inclinazione a cedere al ricatto mafioso. Uomini che hanno rovesciato a rischio della loro vita la  tirannia nel loro paese e quindi  non disposti a baciare l’anello al mafiosetto di turno.
Impavidi e tranquilli perché culturalmente incoscienti e liberi dalla cultura della paura e del “rispetto”.
Una grande occasione di rinascita per il sud.



Nessun commento:

Posta un commento