martedì 28 dicembre 2010

PICCOLI SCRIVANI

È curioso, mentre un Giudice di Milano ritiene che l’attentato a Belpietro è probabilmente una balla, (vedi post del 1 Ottobre dove ottimisticamente credevo Belpietro ignaro, invece no. Quest’uomo se l’è fatto proprio lui l’attentato)  lo stesso Belpietro se ne inventa un’altra delle sue titolando sul giornaletto Libero che Fini avrebbe pagato un finto killer che avrebbe dovuto ferirlo e far ricadere la colpa su Berlusconi.
Da fumetto. Appunto da Libero.
È incredibile, quando Berlusconi tace evitando così di farsi del male, ecco che uno dei suoi lecca lecca: Belpietro, prende la parola per sputtanarlo.
Il Belpietro, in puro stile fascista si inventa notizie per infangare le persone. Solo Cicchitto (onomatopeico allo sputo) ha preso le parti del povero sfigato Belpietro dichiarando che quando si trattava di Berlusconi e Ruby, tutti cavalcavano la notizia, ora che si è tirato in ballo Fini, la cosa doveva essere taciuta.
Cicchitto  (massone iscritto alla P2) dimentica che nel caso Ruby furono i carabinieri a testimoniare la telefonata del vecchio puttaniere all’una di notte per salvare la giovane bagascia, invece nel caso di Fini è Belpietro che da la notizia rifiutandosi di citare la fonte.
Se tutti i giornalisti facessero come questo Belpietro allora in Italia si potrebbe dire tutto di tutti senza rendere ragione di cio che si dice.
Invece non si può fare.
Belpietro avrebbe dovuto, prima di pubblicare, quantomeno verificare l’attendibilità della fonte, quindi trattandosi del presidente della camera, avrebbe dovuto prontamente denunciare la fonte stessa alla magistratura e dopo scrivere.
Invece no. Questa faccia da jolly ridens si giustifica dicendo che “qualcuno glielo ha detto ma non può dire chi”, insomma lui scrive tutto quel che sente proprio come fece il suo nuovo socio in affari Vittorio Feltri che alcuni mesi fa pubblicò un documento falso che accusava il direttore di Famiglia Cristiana, Boffo, di essere un pericoloso omosessuale attenzionato dalla Polizia. Solo perché Boffo aveva scritto che non reggeva più un presidente del consiglio palesemente puttaniere. Insomma se non lo scriveva Famiglia Cristiana che avrebbe dovuto farlo? Naturalmente il Berlusca venne “vendicato" da Feltri e Boffo perse il posto pur non essendo ne attenzionato e nemmeno omosessuale. Feltri venne sospeso (lo è tutt’ora) dall’albo dei giornalisti,.
Ebbene ora questi fior fiore di giornalettisti lavorano in coppia, uno accende il ventilatore mentre l’altro butta in aria fango, l’effetto potete immaginarlo.
Ma il vento sta cambiando e bisogna fare attenzione quando si butta in aria fango, non si mai da che parte può cadere.

Nessun commento:

Posta un commento