lunedì 1 novembre 2010

PUTTANANO E PUTTANONE

Il parlamento Italiano la prossima settimana resterà chiuso, nulla sarà discusso né legiferato.
I politici tuttavia non disdegneranno di mostrarci le loro facce truccate e avvizzite in televisione, unica fonte di informazione per l’80% dei Cittadini Italioti (Italiani idioti) che ci inonderà delle seguenti notizie:
-          Napoli ripulita dai rifiuti.
-          La nuova puttana di mister B. (la 18enne Ruby) che dopo essere stata arrestata per furto, viene rilasciata grazie all’intervento di un vecchio puttaniere (forse anche drogato come trapela dalle indagini in corso della procura di Palermo) e presa in consegna da un’altra delle escort del premier, che dopo averla presa in affidamento, la molla appena fuori dalla questura. (parlo del consigliere regionale appena fatto e rifatta: Minetti (vedi foto) indagata infine per favoreggiamento alla prostituzione e abbandono di minori.
-    Capezzone che sfotte gli Italiani in diretta ripetendo frasi fatte a mo’ di cucù. (dal cucù altro non ci si può aspettare).
-          I leghisti che dalla festa della zucca (vuota) di Piacenza dichiarano, confermando la loro ignoranza e disprezzo per le regole costituzionali, che Berlusconi non doveva esporsi direttamente per salvare il culo alla giovane e promettente mignotta ma affidarsi a uno loro: Bossi o Maroni (ministro degli interni).
-          Fini che, nonostante abbia dichiarato l’inesistenza del Partito delle Libertà, continuerà a reclamare il rispetto del programma elettorale dello stesso partito del quale ha dichiarato il fallimento. Ma Fini lo conosciamo bene, questo finto integerrimo politico ha votato (dopo averlo duramente e pubblicamente condannato) lo scudo a difesa dei delitti commessi dal puttanano.
-          Marchionne (unto dal signore  quindi viscido) dopo i dati delle vendite auto dello scorso Ottobre (-30% Fiat / altri -20%) non prenderà atto della sua incapacità di manager, senza idee, senza nuovi progetti industriali capaci di battere la concorrenza, ma continuerà a dare la colpa agli operai che ogni 4 anni disertano (dice lui) gli stabilimenti produttivi per seguire la nazionale di calcio (queste secondo lui sono le cause della mancata crescita che da oltre 30anni Fiat denuncia).

Questi saranno i temi principali della prossima settimana.
Niente politica, niente lavoro, niente futuro per i giovani né certezze per gli anziani, solo puttane, utilizzatori finali e festini a base di cocaina.
Intanto sulle gru, sui tetti, nell’ ex carcere dell’Asinara,  presso la rotonda panoramica di Terzigno o presso i depositi delle mortifere eco balle di Giuliano, nei presidi fuori dai cancelli di migliaia di aziende (da nord a sud) chiuse, milioni di disoccupati e cittadini esausti continueranno le loro proteste contro il governo infame, incapace e  assente.
Governo che mente e smentisce mentendo. Niente di peggio della menzogna in qualsiasi forma o fine sia detta.
Navigheremo a vista in mezzo a questi escrementi che la maggior parte degli Italioti ha voluto al governo.
Ci aspetta un lungo inverno duro e rigido. Se il nano mi leggesse esclamerebbe: “senza viagra?”

Il consigliere regionale Minetti detta "Nicole"


Nessun commento:

Posta un commento