venerdì 3 settembre 2010

Pensieri a cascata

Mi è sfrecciata accanto un'auto blu scortata con a bordo la fidatissima del reggente silvio berlusconi, l'auto reggente minchiella brambilla.
C'era coda, ma probabilmente presa dai suoi impegni da stuoino questa  racchia rossa ha superato tutti dilenguandosi infine nel medesimo nulla che rappresenta e dal quale proveniva.
Scortarla a spese nostre mi è parso francamente eccessivo.

Il pensiero mi è corso al Giudice Rosario Livatino, l'onesto "giudice ragazzino".
Trucidato dai mafiosi sulla statale Agrigento-Caltanisetta il 21/09/1990.
Viaggiava senza scorta.
A difenderlo solo la buona sorte o la clemenza dei mafiosi che clementi non furono, nonostante questi delinquenti si professino tutti cristiani con tanto di pio-pio appeso ai muri. I mafiosi infatti lo assassinarono con lo sfregio del colpo di grazia.
Gli spararono alle spalle mentre cercava riparo nei campi, quindi fù raggiunto e finito.
Ancora oggi resta ignoto il movente vero che scatenò la sentenza di morte. Furono messi in galera 4 scalcagnati mafiosetti. (ogni volta che scrivo mafiosetto..mi viene in mente il vecchio bossi umberto che chiamava, prima di avere anch'egli la poltrona a Roma: mafiosetto di Arcore, berlusconi...chissà perchè. Ottenuta la "cadrega" non ne ha più parlato).
Poi ho pensato (come diceva bossi) al mafiosetto di arcore che al contrario del giudice eroe, si è tenuto in casa  per anni il mafioso vittorio mangano assunto in casa berlusconi a libro paga con la qualifica di stalliere e, come non pensare a  marcello dell'utri (fondatore di Forza Italia) di fresca condanna in appello per associazione mafiosa e intimo amico del premier?
Dell'utri ha persino dichiarato in una recente intervista alla giornalista Beatrice Borromeo, di essere sceso in politica (è senatore pagato) solo per non finire in galera.
(egli crede di essere sceso in politica in reltà è stata la politica a scadere dopo il suo arrivo).

Così, per pura e casuale associazione di idee ho pensato che nel nostro parlamento albergano: puttane, mafiosi, indagati, delinquenti, corrotti, concussi, pregiudicati che dovrebbero stare altrove.
Se un comune cittadino Italiano avesse un curriculum vitae come quello di marcello dell'utri, non sarebbe assunto nemmeno per fare il commesso.
dell'utri invece, dopo quanto ha fatto e detto è senatore. Chi lo ha votato non sapeva, quindi votonto o ancora peggio sapeva, quindi idealmente colluso con i mafiosi.
Infine a cascata, i miei pensieri sono approdati come fiumi impetuosi in un mare di m..elma dove sguazzavano poltici, alti prelati, imprenditori  e rozzi personaggi della pop-televisione.

Mi ha molto addolorato che il ricordo del Giudice Rosario Livatino, un eroe, sia stato destato da una nullità come minchiella, una brambilla qualsiasi.

Nessun commento:

Posta un commento