martedì 31 agosto 2010

Siamo prigionieri del passato

Il pappone beduino ha levato le tende con tutto il cucuzzaro. Cavalli, somari e guardie del corpo sfatto in tacco 12 si sono dileguati.
Saluti e baci da parte di Franco Cangini che nel suo commento sul quotidiano "Il Giorno" definisce ipocriti coloro che hanno criticato lo spettacolo.
Cangini l'ipocrita é lei.
Toccava a lei, oltre a distendere l'ampia lingua ad ogni seduta del premier, dire, informarci che la Libia è un paese dove non esiste la democrazia nè uno stato di diritto.
Cangini lei ha mai scritto chiaramente queste cose sul quotidiano "il Giorno?". Aggiungere nel suo commento odierno che la Libia è un paese privo di democrazia le sembrava eccessivo?..Forse avrebbe reso il suo commento più realistico e coerente non le pare?
Cangini ma come cazzo scrive? Un lettore legge per informarsi non per sapere come la pensa lei, altrimenti comprerebbe un giornale di partito!.....oh cavolo..a meno che "il Giorno"....no, non voglio crederlo. Il Giorno non è della famiglia vero?

Ma torniamo a noi, al cavaliere (non beduino, il premier), così piccolo lui, così anziano e decadente, tuttavia sentiamo che dice:
" siamo prigionieri del passato"
"tutti avremo maggiori opportunità di fare lucrosi affari.".

Rispondo alla seconda con nomi e cognomi:
Per quanto io ne sappia un certo imprenditore Sign. Carlo Bianchi dell'azienda "Leader Contract" di Cantù , intervistato dal giornalista Massimo degli Esposti, sostiene che la burocrazia Libica è asfissiante (capirai che novità, è sotto regime totalitario)  e che è difficilissimo investire per aziende straniere che non abbiano un capitale di almeno un milione di euro.
A meno che aggiunge il Sign. Bianchi: "non si abbiano conoscenze ad altissimo livello".
L'intervista è pubblicata sul quotidiano "Il Giorno". Ecco Cangini vede? se lei avesse letto come faccio io il suo quotidiano forse avrebbe capito il perchè di molte critiche.

Dopo aver letto questa intervista il mio pensiero è corso fulmineo agli invitati alla cena pubblica. Che sianno loro i contatti giusti per investire in Libia?!
Bianchi deve quindi rivolgersi a loro?

Accolgo infine l'invito del nostro premier a liberarmi della prigionia del passato e dedicarmi alla prigionia futura, la sua, se solo si facesse processare.

Nessun commento:

Posta un commento