venerdì 27 agosto 2010

Mu' ammar al-Orfei & Silvio

La notizia che il dittatore (in Libia vige la dittatura) Libico Mu'ammar al-Gheddafi arriverà in Italia -ancora!..a fare?-  mi ha davvero sorpreso.
Ho pensato: ma perchè Silvio continua a farsi così tanto male?
Ma che figura ci fa ad ospitare uno che ad ogni piè sospinto questo tipo (secondo molte fonti non governative Internazionali) calpesta i diritti umani nel suo paese?
L'impregilo, Unicredit, Eni, non potevano recarsi direttamente in Libia per definire i loro affari?..Invece no, lo invitano ancora qui.
Questa è la risposta che mi sono dato:
Eccheccavolo con la Libia siamo sempre andati daccordo. Conosciamo tutti l'elevato livello democratico di questo paese e poi Gheddafi "è un leader di grande saggezza" lo dicono tutti no?
Tuttavia ritenendo che la mossa di invitare il dittatore Libico da parte del nostro presidente non fosse del tutto azzeccata, un po anche per la faccia di Gheddafi.

Il dittatore fuma
fumato










Ho voluto capire meglo cosa passasse per la testa di Berlusconi e sfogliando qui e la sul web ho trovato il commento di una persona che lo conosce piuttosto bene. A me pare attendibile.
Gli affecionados di Gheddafi sappiano che arriverà con una trentina di cavalli al seguito e un grande tendone.
Non conosco gli orari degli spettacoli né la disponibilità dei biglietti.
Sono previste agevolazioni alle famiglie per gli spettacoli pomeridiani.
La colonna sonora che accompagnerà l'epico evento potete ascoltarla qui in anteprima esclusiva.

Giudizio sull'iniziativa:
bello tutto, bella l'organizzazione, spettacolo esilarante!
per gli sprovvisti di biglietto, il Tg1 regalerà ampi servizi all'evento ;-)















Nessun commento:

Posta un commento